LCCA

Il Life Cycle Cost Analysis (LCCA) o analisi del costo nel ciclo di vita (anche detto Total Cost of Ownership – TCO) è uno strumento economico che permette di valutare tutti i costi relativi ad un determinato componente o sistema, dalla “culla” alla “tomba”. Si prendono in considerazione, infatti, i costi iniziali (acquisto, istallazione, etc.), i costi di gestione (spese energetiche, manutenzione, oneri finanziari, etc.), fino ad arrivare ai costi di smaltimento e recupero. Questo strumento permette di ottimizzare i costi di una componente o di un intero sistema e il suo utilizzo in fase di acquisto. L’utilizzo dello LCCA viene suggerito anche dalla UNI ISO 50004 ““Sistemi di gestione dell’energia – Linee guida per l’implementazione, il mantenimento e il miglioramento di un sistema di gestione dell’energia”.

La LCCA permette al decisore di compiere scelte più oculate, in particolare:

  • scegliere tra più alternative applicabili allo stesso sistema quella economicamente più vantaggiosa (es. selezionare per un dato edificio, il sistema di riscaldamento: caldaia vs. pompa di calore);
  • accettare o rifiutare un determinato progetto (es. decidere se installare o meno un pannello solare termico);
  • specificare il valore ottimale di un progetto che generi il maggior ritorno economico (es. selezionare il valore ottimale di spessore per un isolante termico nelle pareti).

Il calcolo dell’indice LCC avviene attualizzando tutte le voci di costo di un componente:

LCC = I + Repl – Res + E + OM& R

LCC: Life Cycle Cost
I: investimento iniziale
Repl: valore attuale dei costi di sostituzione
Res: valore attuale del valore residuo
E: valore attuale delle spese energetiche
OM& R: valore attuale dei costi operativi, di manutenzione, di riparazione

L’indice LCC indica il costo totale da attribuire all’investimento considerato e sarà l’indice da confrontare per la scelta di alternative diverse: la soluzione con LCC minore sarà quella più vantaggiosa. Tale metodologia può essere utilizzata per tutti i prodotti che consumano energia; in molti casi infatti dal punto di vista economico è da preferire un prodotto più efficiente anche se caratterizzato dal maggior investimento iniziale. Un tipico esempio è l’applicazione dell’LCCA ai motori elettrici i cui costi di acquisto e manutenzione rappresentano solitamente solo alcuni punti percentuali dei costi totali sul ciclo di vita. Un motore elettrico da 15 kW (4 poli, classificazione IE2) che funziona 1.000 ore/anno ha un costo sul ciclo di vita (10 anni, 0,1 €/kWh, Tasso di sconto 5%, fattore di carico 0,75) di circa 11.000 Euro. Il costo iniziale e di manutenzione rappresenta circa il 12% dei costi totali LCC. Se lo stesso motore funzionasse 4.000 ore/anno i costi iniziali e di manutenzione arriverebbero ad essere solamente il 4% del costo totale sul ciclo di vita. Questo è solo uno dei tanti esempi di come una corretta valutazione in fase di acquisto si rivela fondamentale per evitare scelte economiche non razionali. Spendere bene non vuol dire sempre spendere poco inizialmente.

La FIRE nell’ambito della Ricerca di Sistema Elettrico ha elaborato 10 schede di calcolo per l’analisi del costo sul ciclo di vita di componenti nel settore industriale, terziario e domestico; un’ulteriore scheda di calcolo relativa agli UPS è stata elaborata da studi FIRE. Le schede di calcolo sono scaricabili ai link sotto indicati.

Schede di calcolo LCCA

Settore industriale

Settore terziario

Settore residenziale

Approfondimenti