Pacchetto invernale UE: i rischi dell’addizionalità

di Dario di Santo 6 febbraio

La Commissione europea ha presentato alla fine dello scorso anno due proposte di revisione della direttiva efficienza energetica EED – COM(2016) 761 – e della direttiva sulle prestazioni energetiche dell’edilizia EPBD – COM(2016) 765. Esse mirano ad estendere al 2030 il raggio di azione delle direttive esistenti e a introdurre alcune razionalizzazioni e modifiche in un’ottica di rafforzamento delle politiche rivolte all’efficienza energetica. Di seguito viene illustrata la posizione di FIRE presentata all’audizione alla Commissione X del Senato il 2 febbraio. Continua a leggere sul blog di Dario Di Santo